THIENE – Provincia di Vicenza e Diocesi di Padova

466

Un’antica tradizione vuole che, nel 1530, la B. Vergine sia apparsa a tre pastorelle tra i rami di un olmo in un luogo solitario alla periferia di Thiene. Sul luogo dell’apparizione venne eretta una cappellina con l’immagine della “Madonna dell’Olmo”, che divenne subito oggetto di venerazione popolare.

La devozione aumentò molto, un’ottantina di anni dopo, con l’arrivo dei Cappuccini che provvidero ad erigere un conventino e una chiesa, nella quale fu inglobata anche la primitiva cappella della Madonna. La chiesa – consacrata il 22 settembre 1613 – misurava appena 32 x 21 metri, era a travature scoperte e aveva un coro per la preghiera comunitaria dei religiosi. Dietro il coro si apriva un umile chiostro (la parte più antica dell’odierno convento), cinto da un porticato quadrangolare, i cui spioventi erano sostenuti da architravi in legno poggianti su nudi pilastrini di mattone. Sopra la tettoia correvano le celle dei frati, con finestrelle tanto piccole da sembrare feritoie.

Con il passare del tempo, la devozione alla B. Vergine dell’Olmo andò diffondendosi in tutto il circondario, malgrado per le varie soppressioni i frati Cappuccini furono forzatamente assenti: dal 1769 al 1798, dal 1810 al 1843, e infine dal 1866 al 1900.

Dopo il loro ultimo ritorno, i Cappuccini continuarono a impegnarsi nel servizio del santuario. Nel biennio 1909-1910, in ricordo del III centenario del loro arrivo a Thiene, eressero l’attuale facciata (su disegno dell’arch. Pasinati). Nel 1922, per il VII centenario della fondazione dell’Ordine Francescano Secolare (O.F.S.), costruirono una cappella in onore di S. Francesco. Infine, in coincidenza con il IV centenario delle apparizioni della Madonna, nel 1930 innalzarono un elegante e slanciato campanile.

Tuttavia, l’aspetto attuale del santuario è dovuto ai radicali restauri resisi necessari dopo la seconda guerra mondiale. Fra il 1945 e il 1960, tra l’altro, venne abbattuta l’antica cappella dell’apparizione – ormai fatiscente – per ricostruirla più ampia e accogliente.

Anche la chiesa e la cappella di S. Francesco furono in parte demolite e ampliate. L’altare maggiore, lavorato a bassorilievo dall’artista Danilo Andreose, fu provvisto di un tabernacolo marmoreo a forma di tempietto circolare. È opera di Angelo Gatto il grande mosaico di 165 metri quadrati che splende nel catino dell’abside e celebra il trionfo della B. Vergine.

Dal 1954 per la diffusione della devozione alla Vergine Maria nacque il bollettino La Madonna dell’Olmo.

L’attuale convento fu radicalmente restaurato: i lavori terminarono nel 1974. È rimasto intatto nella sua primitiva forma l’antico chiostro del convento, che nel 1966 fu dichiarato monumento nazionale dalla Soprintendenza delle Belle Arti di Vicenza. A più riprese, nel corso degli anni, fu sede di studi filosofici e umanistici. Nelle sue adiacenze il 29 novembre 1957 fu inaugurato il nuovo seminario minore. Nel 2003, in seguito alla chiusura della scuola media interna, sono state avviate varie iniziative di pastorale giovanile e vocazionale.

Nel 1979 il santuario della Madonna dell’Olmo fu eretto a parrocchia. Questa dal 1980 possiede una colonia per campiscuola, ecc. a Villaggio Fiorentini (Lastebasse, VI).

[Fonte: «I nostri luoghi: cenni storici e attività attuali», in Stato personale e locale, Curia provinciale, Venezia-Mestre 2017, pp. 46-47].

Contatti

Convento

Via del Santuario, 9
36016 Thiene (VI)
Tel. 0445 361353
Email: convento.thiene@cappuccinitriveneto.it

Centro Vocazionale

Tel. 0445 368545
Email: dietrodime@gmail.com
Sito: www.giovaniefrati.it

Parrocchia

Tel. 0445 363953
Email: madonnaolmo@diocesipadova.it